Cinematographe

By Super User

Ottobre 30, 2021

Un mondo in più: il trailer ci svela una storia ambientata nel pieno della pandemia

Il film è una storia di crescita e solidarietà che supera i confini di etnia, religione ed estrazione sociale.

Un mondo in più è l’opera prima di Luigi Pane che verrà presentata in anteprima ad Alice nella città

Un mondo in più, opera prima del regista Luigi Pane, si svela nel primo trailer ufficiale. Il film, una moderna storia di riscatto e di scoperta di sé, verrà presentato in anteprima assoluta ad Alice nella città, il festival cinematografico internazionale dedicato alle giovani generazioni, per la sezione Panorama Italia.

Con il suo primo lungometraggio il regista Pane vuole portare sullo schermo una storia ambientata nel pieno della pandemia: il rapporto intenso e drammatico tra un padre e un figlio, i conflitti dell’adolescenza e quelli, attualissimi, tra extracomunitari e italiani. Un mondo in più viene descritto come “una storia di crescita e solidarietà che supera i confini di etnia, religione ed estrazione sociale”. Nel cast troviamo Francesco Ferrante, Francesco Di Leva e Denise Capezza.

 <iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/p9h0M9T3kew" title="YouTube video player" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>

Il film è prodotto da Play Entertainment, in collaborazione con Camaleo e Candide Film. “Abbiamo creduto fin da subito nel progetto”, racconta Simona Ferri, fondatrice della Play Entertainment. “Perché tratta temi attuali troppo spesso presenti nelle pagine di cronaca dei giornali, e lo fa con una forza espressiva che lo contraddistingue davvero”.

Di seguito la sinossi ufficiale della pellicola:

Diego (interpretato dall’attore rivelazione Francesco Ferrante) è un diciottenne napoletano costretto a lasciare la sua città per trasferirsi a Roma, in seguito alla morte della madre. In piena pandemia si ritrova a vivere con suo padre Franco (Francesco Di Leva), ma il loro rapporto è fatto di conflitti e dolorosi silenzi. Nella periferia romana Diego scoprirà di avere più affinità con i profughi africani che occupano il palazzo di fronte al suo, che non con i compagni di scuola e con l’idea di mascolinità che gli altri si aspettano da lui. L’arrivo di una giovane donna, l’affascinante e ribelle Tea (Denise Capezza), sconvolgerà i loro equilibri fino a cambiare tutto…

© 2020 Play Entertainment. All rights reserved. PIVA: 09839551000.
Powered by Visual.it.